Beni Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per il Polo Museale della città di Roma

Avelli - Piatto col mito di Esaco

PV.3044.piatto.esacoFrancesco Xanto Avelli
(Rovigo ? - Urbino 1545)
Piatto da pompa col mito di Esaco
1534
Maiolica policroma, Ø cm 26
Inv. 3044
Provenienza: acquisto Sangiorgi (1921)
Iscrizione sul retro: «1534. Esaco in smergo nel cascar cangiossi. Nel libro d'Ovidio Met: F.X.A.R. in Urbino»

La maiolica raffigura il mito di Esaco, secondo il racconto che ne fa Ovidio nelle Metamorfosi: il giovane Esaco, innamorato della ninfa Esperia, la rincorre finché la fanciulla viene morsa da un serpente e cade morta; il primogenito del re Priamo, disperato, si getta da una rupe e viene trasformato dalla dea Teti in un uccello (lo smergo).
Il piatto sul retro, oltre a riportare il soggetto e la fonte da cui è tratto l'episodio, è firmato e datato da Francesco Xanto Avelli, uno dei maggiori esponenti della scuola di ceramisti urbinati.

Mibac Minerva Europe Museo & Web

Ministero della Cultura
Via del Collegio Romano, 27
00186 Roma, Italia
tel. 39 06 67231
www.beniculturali.it

© Tutti i diritti riservati

 

Museo Nazionale del Palazzo di Venezia
Piazza Venezia, 3
00186 Roma, Italia
tel. 39 0669994211
e-mail: vi-ve@beniculturali.it  



 

 

 

 

Copyright 20021 Ministero della Cultura - Disclaimer

pagina creata il 21/01/2009, ultima modifica 18/05/2009